Casella PEC professionale per invio PEC massivo certemail

Casella PEC professionale da 2GB

  • La casella PEC ideale per invio PEC massivo e campagne mailing PEC

Il dominio @certemail.it è erogato da ARUBA PEC Spa, gestore accreditato AgID, e distribuito da MKT Srl

  • 2 GB di memoria: due volte una PEC normale!

  • WebMail per accesso in cloud

  • Assistenza tecnica inclusa

  • Invia e ricevi PEC senza limiti

Contattaci

Casella PEC ottimizzata per invio PEC massivo

 

Maggiore memoria

Una casella PEC con memoria più grande significa inviare più PEC senza rischiare di intasare la memoria con le notifiche di consegna

Lo spazio di memoria di 2GB può essere esteso su richiesta fino a 15GB

Casella PEC massiva per invio PEC massivo

Casella PEC europea di Aruba

PEC europea

Le caselle di posta elettronica certificata @certemail.it sono speciali caselle PEC di Aruba Pec SpA, gestore accreditato AgID , valide a tutti gli effetti come PEC europea

Casella PEC europea

Attiva una nuova casella @Certemail

  • 2GB di memoria

  • Webmail di Aruba

  • assistenza inclusa

39,00 € /anno

Per qualsiasi dubbio o approfondimento

oppure

Perché inviare messaggi massivi via PEC

Inviare comunicazioni massive via PEC è il modo più semplice, sicuro, veloce e anche economico!

Questo perché la PEC ha il valore legale di una Raccomandata AR con la rapidità di una email.

Inoltre le notifiche di consegna la rendono lo strumento migliore per ogni tipo di comunicazione.

Per prima cosa ne certificano la data di consegna in tempi impossibili per una cartolina di avviso di ricevimento.

Ma soprattutto la PEC è l’unico mezzo trasmissivo con certificazione del contenuto.

Basti pensare alla famosa sentenza del 12 maggio 2005 della Corte di Cassazione che ha sancito che è a carico del mittente dimostrare il contenuto della raccomandata. Quindi chiunque potrebbe per assurdo opinare di aver ricevuto una busta con foglio bianco.

Limiti della PEC massiva

Limiti della PEC massiva

Visti i pregi della PEC è anche giusto approfondirne i difetti.

Il primo è sicuramente il concetto di PEC to PEC. La PEC garantisce infatti il valore certo di consegna solo se inviata a un’altra PEC, e non tutti i privati ne hanno una.

Tuttavia per fortuna, spinti dai vantaggi e dalle istituzioni, anche sempre più privati si stanno munendo di una propria PEC. Per questo è sempre meglio munirsi di un database di indirizzi PEC aggiornato prima dell’invio massivo.

Il secondo punto è che ogni PEC inviata genera almeno due email ricevute: la presa in carico e la conferma di consegna. Per questo è facile intasare una casella PEC standard e perdersi posta in arrivo importante.

Ecco perché è consigliato utilizzare invece una PEC professionale @certemail da almeno 2GB dedicata all’invio e diversa dalla tua PEC ufficiale.

Infine va segnalato che molti gestori bloccano gli invii automatici in grandi quantità. Se quindi vuoi inviare migliaia di PEC in automatico puoi affidarti a servizi specializzati come il nostro che usa proprio @certemail.it

Attivazione della casella PEC professionale

Una casella di Posta Elettronica Certificata (PEC) viene rilasciata dai gestori accreditati previa registrazione del richiedente. In questa fase il responsabile della casella deve fornire i propri dati personali e un documento di identità.

In fase di registrazione si sceglie anche il nome della casella che si desidera attivare, per esempio MKT ti rilascia una casella tuonome@certemail.it

Come per una normale casella di posta elettronica si riceveranno le credenziali di accesso (user e password) e i rispettivi parametri tecnici di configurazione.

Come funziona la PEC

La Posta Elettronica Certificata, normalmente abbreviata in PEC, permette di scambiare messaggi di posta elettronica in modo sicuro con valore legale opponibile a terzi.

Questo avviene grazie ad un sistema di notifiche di consegna, delle particolari mail che fungono da ricevute e sono firmate digitalmente dai gestori PEC del mittente e del destinatario.

E’ per questo che le PEC sono rilasciate da speciali aziende che si fanno garanti dell’uso delle loro caselle nei confronti dello Stato.